Il brand Sapio specializzato nella cura del sonno

telefono

Numero Verde

800 635 040

Spedizione
gratuita

Risultati per: comportamenti involontari nel sonno

Catatrenia

Il gemito che dà voce al sonno

La catatrenia, conosciuta anche come gemito notturno, è un evento indesiderato caratterizzato da gemiti acuti della durata di 5-20 secondi, che si susseguono a blocchi per diversi minuti nell’arco di un’ora. Questo disturbo del sonno è tipico della seconda metà del sonno e, soprattutto, della fase REM: il rumore tende a scomparire durante i cambi di posizione associati ad “arousal” celebrali. Chi ne soffre di solito non ne è consapevole, è solitamente il partner o il familiare a segnalarne infatti la presenza.

Enuresi

Ne soffre anche l'autostima

L'enuresi consiste nell'urinare inavvertitamente durante il sonno, per il mancato risveglio notturno nonostante la vescica piena, oppure per l’incapacità di impedire la contrazione della vescica: non è difficile dunque immaginare che questo evento indesiderato riguardi principalmente i bambini (è patologica solo se il bambino ha più di 5 anni e il disturbo si presenta più di due volte a settimana). Se non correttamente affrontata e gestita dai genitori, l'enuresi provoca una ridotta autostima del bimbo.

Attacchi di panico notturni

Quando dormire può far paura

Gli attacchi di panico possono generalmente verificarsi durante le prime 2-3 ore della notte . Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, non sono associati ai sogni , ed è possibile svegliarsi del tutto con una senzazione di paura, mancanza di aria o respiro , battito cardiaco accelerato, tremore e un risveglio di soprassalto che non permette di riaddormentarsi facilmente . Sono da escludere gesti violenti o aggressivi, ma nella persona permane comunque il fastidioso ricordo della paura vissuta durante la notte , influenzandola per lungo tempo.

Incubi notturni

Non soffrirne è un sogno

Questo disturbo è caratterizzato da frequenti incubi, sogni terrificanti che si verificano durante il sonno REM, durante la quale si verifica l’attività onirica più intensa, e che disturbano dapprima il sonno del soggetto, fino a farlo svegliare di soprassalto in uno stato di angoscia. Spesso gli incubi ricorrenti ritraggono infatti l'individuo in situazioni che mettono in pericolo la vita o la sicurezza personale.

Paralisi notturna

Quando il corpo non si sveglia

La paralisi notturna, che può verificarsi in soggetti normali, è un disturbo associato prevalentemente a narcolessia o cataplessia, ovvero la perdita del tono muscolare. In pratica chi ne soffre, soprattutto nel momento del risveglio, si trova letteralmente impossibilitato a muoversi: come se il cervello fosse “sveglio”, ma il corpo ancora no.

Disturbo comportamentale in fase REM

Sogni manifesti

Il sonno REM è quella fase del sonno in cui si assiste a una quasi completa perdita di tono della muscolatura volontaria, durante la quale si verifica l’attività onirica più intensa. Il disturbo comportamentale in sonno REM (RBD, dall'inglese REM sleep Behavior Disorder) si contraddistingue infatti per la perdita della fisiologica atonia muscolare.

Disturbi alimentari nel sonno

Da restare a bocca... chiusa

Gli episodi alimentari correlati al sonno si verificano rapidamente - ognuno dura circa dieci minuti -, in qualsiasi momento, solitamente uno per notte. Generalmente, chi è affetto da questo disturbo non ha il controllo delle proprie azioni e potrebbe non ricordare nulla dell’accaduto: sono rari infatti i casi in cui la persona è vigile e sa realmente quel che mangia. Importante è inoltre sapere che svegliare qualcuno durante l’episodio alimentare scatenerà probabilmente in lui rabbia e resistenza.

Sleep Talking

La chiacchierata notturna

Parlare durante la notte è un disturbo del sonno molto comune, anche se ognuno lo manifesta a proprio modo. Il linguaggiopuò essere più o meno strutturato: frasi lunghe così come parole senza senso possono contribuire ad aumentare il disagio con il proprio partner.

Risvegli confusionali

Come orientarsi nel disturbo

Questi tipi di risvegli avvengono durante la transizione dalla fase di sonno profondo alla veglia, e rappresentano le manifestazioni di un'organizzazione ritardata e parziale dell’attività corticale durante queste transizioni.

Terrori notturni

Il nome dice tutto

Gli episodi di terrore notturno sono caratterizzati da un’estrema sensazione di terrore e da una temporanea incapacità di riacquistare piena consapevolezza di sé. Il soggetto si sveglia infatti bruscamente dal sonno, spesso ansimando, gemendo, persino urlando a volte.