Torna a Disturbi del sonno

Catatrenia

Il gemito che dà voce al sonno

La catatrenia, conosciuta anche come gemito notturno, è un evento indesiderato caratterizzato da gemiti acuti della durata di 5-20 secondi, che si susseguono a blocchi per diversi minuti nell’arco di un’ora. Questo disturbo del sonno è tipico della seconda metà del sonno e, soprattutto, della fase REM: il rumore tende a scomparire durante i cambi di posizione associati ad “arousal” celebrali. Chi ne soffre di solito non ne è consapevole, è solitamente il partner o il familiare a segnalarne infatti la presenza.

Le cause (quasi) ignote

Non conosciamo con certezza le cause della catatrenia, ma si è sicuri di escludere problemi respiratori, patologie psichiatriche, sonnambulismo o sonniloquio. Oggi si crede infatti che questo disturbo possa dipendere da un sonno agitato e da una stanchezza diurna, e gli unici due sintomi riconoscibili dal paziente al risveglio sono voce rauca e mal di gola.

Catatrenia ed epilessia, piccole ma sostanziali differenze

Questi due disturbi hanno in comune dei suoni simili, ma la vera differenza è che i gemiti appartenenti alla catatrenia sono assolutamente regolari e ritmici. Nell'epilessia poi il russamento è un suono ripetitivo, ma si basa sull’inspirazione: nella catatrenia si basa invece sull’espirazione.

Chiamaci per fissare un appuntamento

Richiedi la polisonnografia a domicilio,
fissa l’appuntamento

numero verde 800635040

Dal lunedì al giovedì 9.30-13.00 e 14.00-18.00
Il venerdì 9.30-13.00 e 14.00-16.30